Protocollo AntiCovid

Il British School Group adotta il presente protocollo di regolamentazione all’interno dei propri luoghi di lavoro, applicando le misure di precauzione di seguito elencate e, ove praticabile, implementandole con altre equivalenti o più incisive secondo le peculiarità della propria organizzazione del lavoro al fine di tutelare la salute dei lavoratori e degli eventuali visitatori che si troveranno a vario titolo all’interno dei diversi luoghi di lavoro e garantirne la salubrità.

A tal fine è costituito un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione con la partecipazione del RSPP e del RLS. Il presente documento di prefigge l’obiettivo di individuare e finalizzare alla mitigazione del rischio COVID 19 per le attività svolte presso le sedi operative.

Misure organizzative

Norme comportamentali all'interno dell'Istituto

  • Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  • Mantenere l'igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi o con soluzioni alcoliche contenenti almeno il 60% di alcol).
  • Evitare di toccare occhi, naso e bocca con mani non lavate.

Igiene legata alle vie respiratorie

  • starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso;
  • gettare i fazzoletti utilizzati immediatamente dopo l'uso, possibilmente in un contenitore chiuso;
  • lavare le mani dopo aver starnutito/tossito.
  • Evitare il contatto ravvicinato (non inferiore a un metro), quando possibile, con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti.
  • Non assumere farmaci antivirali o antibiotici a meno che non siano prescritti dal medico.
  • Mantenere pulite le superfici di lavoro.
  • Astenersi dal lavoro se accusi sintomi respiratori. Qualora i sintomi si manifestino al lavoro adottare mascherine per proteggere gli altri.
  • Arieggiare frequentemente i locali.
  • Non riprendere servizio prima di 3 giorni dall’ultima rilevazione di alterazione della temperatura in caso di sindrome influenzale.
  • Rivolgersi alle autorità sanitarie preposte (chiamare il 112 o il 1500 o il numero verde regionale di riferimento) qualora si evidenziassero casi sospetti.

Adempimenti delle singole Sedi BSG

  • identificare dei referenti scolastici per COVID-19 adeguatamente formati sulle procedure da seguire;
  • tenere un registro degli alunni e del personale di ciascun gruppo classe e di ogni contatto che, almeno nell’ambito didattico e al di là della normale programmazione, possa intercorrere tra gli alunni ed il personale di classi diverse (es. spostamenti provvisori e/o eccezionali di studenti fra le classi etc.) per facilitare l’identificazione dei contatti stretti da parte del DdP della ASL competente territorialmente;
  • richiedere la collaborazione dei genitori a inviare tempestiva comunicazione di eventuali assenze per motivi sanitari in modo da rilevare eventuali cluster di assenze nella stessa classe;
  • richiedere alle famiglie e agli operatori scolastici la comunicazione immediata al dirigente scolastico e al referente scolastico per COVID-19 nel caso in cui, rispettivamente, un alunno o un componente del personale risultassero contatti stretti di un caso confermato COVID-19;
  • provvedere ad una adeguata comunicazione circa la necessità, per gli alunni e il personale scolastico, di rimanere presso il proprio domicilio, contattando il proprio pediatra di libera scelta o medico di famiglia, in caso di sintomatologia e/o temperatura corporea superiore a 37,5°C. Si riportano di seguito i sintomi più comuni di COVID-19 nei bambini: febbre, tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali (nausea/vomito, diarrea), faringodinia, dispnea, mialgie, rinorrea/congestione nasale; sintomi più comuni nella popolazione generale: febbre, brividi, tosse, difficoltà respiratorie, perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell'olfatto (iposmia), perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia), rinorrea/congestione nasale, faringodinia, diarrea (ECDC, 31 luglio 2020);
  • informare e sensibilizzare il personale scolastico sull'importanza di individuare precocemente eventuali segni/sintomi e comunicarli tempestivamente al referente scolastico per COVID-19;
  • stabilire procedure definite per gestire gli alunni e il personale scolastico che manifestano sintomi mentre sono a scuola, che prevedono il rientro al proprio domicilio il prima possibile, mantenendoli separati dagli altri e fornendo loro la necessaria assistenza utilizzando appositi DPI;
  • identificare un ambiente dedicato all‘accoglienza e isolamento di eventuali persone che dovessero manifestare una sintomatologia compatibile con COVID-19 (senza creare allarmismi o stigmatizzazione). I minori non devono restare da soli ma con un adulto munito di DPI fino a quando non saranno affidati a un genitore/tutore legale;
  • prevedere un piano di sanificazione straordinaria per l’area di isolamento e per i luoghi frequentati dall’alunno/componente del personale scolastico sintomatici.
Misure di prevenzione e protezione

Redistribuzione degli spazi e turnazione

Gli spazi saranno rimodulati nell’ottica del distanziamento sociale, a tal fine si prevede:

  • L’accesso all’aula sarà solo per gli studenti che devono seguire la lezione
  • Le varie classi entreranno nella struttura un alunno alla volta così da limitarne i contatti ed aspettando esternamente l’ingresso avendo cura di tenere un distanziamento sociale di almeno 1m
  • La presenza della segretaria e dei professori deve essere di supporto all’esecuzione di quanto previsto dal presente protocollo e deve limitarsi ad un professore per aula interessata e segretaria I locali dovranno essere arieggiati con frequenza e gli occupanti dovranno mantenere distanze fra loro di almeno un metro mantenendo la distribuzione dei banchi preventivamente predisposta dalla scuola.

L’accesso alla scuola degli alunni

La precondizione per l’accesso a scuola di studenti e di tutto il personale a vario titolo operante è:

  • l’assenza di sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore a 37.5°C anche nei tre giorni precedenti;
  • non essere stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  • non essere stati a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni.
  • All’ingresso della scuola NON è necessaria la rilevazione della temperatura corporea. Chiunque ha sintomatologia respiratoria o temperatura corporea superiore a 37.5°C dovrà restare a casa

Pertanto si rimanda alla responsabilità individuale rispetto allo stato di salute proprio o dei minori affidati alla responsabilità genitoriale.

  • Gli studenti devono essere provvisti di una mascherina chirurgica, come del resto normato dal DL n. 9 (art. 34) in combinato con il DL n. 18 (art 16 c. 1) sono considerati DPI anche le mascherine chirurgiche reperibili in commercio, disciplinate dall’art.34, del DL del 02/03/2020, n.9.
  • Gli alunni dovranno indossare per l’intera permanenza nei locali scolastici una mascherina chirurgica o di comunità di propria dotazione, fatte salve le dovute eccezioni (ad es. attività fisica, pausa pasto); si definiscono mascherine di comunità “mascherine monouso o mascherine lavabili, anche autoprodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso” come disciplinato dai commi 2 e 3, art. 3 del DPCM 17 maggio 2020.
  • Al riguardo va precisato che, in coerenza con tale norma, “non sono soggetti all'obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.”
  • dovrà essere prevista una postazione per l’igienizzazione delle mani all’ingresso della struttura
  • il tragitto dell’alunno dovrà essere diretto verso l’aula a lui segnalata dalla segretaria all’ingresso della struttura senza soste nelle aree comuni che tenderebbero a creare assembramenti
  • per seguite le procedure precedentemente illustrate i studenti verranno guidati da percorsi segnalati e dalla cartellonistica di sicurezza prevista, dove sarà esposto un layout con la distribuzione dei banchi
  • durante il percorso e la lezione nell’aula dovrà essere mantenuta la distanza di sicurezza di 1 metro tra le persone.
  • dovrà essere dedicato un bagno per gli studenti.

Modalità di svolgimento delle lezioni

  • Le aule saranno preventivamente predisposte secondo precisi Layout in modo da avere le postazioni che garantiscano la distanza boccale fra gli studenti >1m e >2m con la cattedra.
  • L’ingresso delle varie classi avverrà con orari sfalsati di 5/10min tra loro così da evitare assembramenti sia all’esterno che all’interno della scuola (sia in fase di accesso che di uscita dalle lezioni)

Spostamenti

Gli spostamenti all’interno dei luoghi di lavoro devono essere limitati al minimo indispensabile.

Informazione- formazione

  • Gli studenti saranno informati sulle procedure all’ingresso della struttura dalla segretaria e dalla cartellonistica di segnalazione presente
  • Saranno comunicate efficacemente le misure di prevenzione primaria consistenti nei corretti comportamenti per la prevenzione del rischio.
  • Sarà affissa la cartellonistica (allegata) indicante le misure igieniche da rispettare

Uscita dalla scuola degli Studenti

  • Gli studenti saranno fatti uscire singolarmente per evitare contatti e mantenere il distanziamento sociale con orari di uscita delle varie classi distanziata di 5/10min come da entrata.
  • Le classi successive che dovranno entrare nella scuola avranno accesso alla struttura (come da procedura d’ingresso precedentemente esposta) solo una volta che saranno usciti tutti gli studenti del turno precedente presenti nella scuola

Igiene e sanificazione

Al fine di mantenere un elevato livello di igiene sarà:

  • messo a disposizione del personale, studenti e dei visitatori gel idroalcolici per la pulizia delle mani
  • ricordata attraverso la cartellonistica la frequente igiene delle mani
  • la pulizia dei locali di lavoro (ivi compresi gli ambienti comuni) e delle postazioni d’esame dovrà essere giornaliera e prevedere la sanificazione dei luoghi suddetti secondo le disposizioni della circolare n.5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute nonché alla loro ventilazione, nel caso si registrasse la presenza di una persona con COVID-19 all’interno dei locali.
  • tale pulizia quotidiana, svolta da personale interno dotato di idonei DPI, dovrà riguardare le superfici toccate più di frequente (es. porte, maniglie, finestre, vetri, tavoli, interruttori della luce, servizi igienici, rubinetti, lavandini, scrivanie, sedie, maniglie passeggeri, tasti, tastiere, telecomandi, stampanti). Utilizzare panni, diversi per ciascun tipo di oggetto/superficie, in microfibra inumiditi con acqua e sapone e/o con alcool etilico al 75% e successivamente con una soluzione di ipoclorito di sodio diluita allo 0,5% di cloro attivo per i servizi igienici e le altre superfici (es. come la candeggina che in commercio si trova al 5% o al 10% di contenuto di cloro), e allo 0,1% di cloro attivo per tutti le altre superfici, tenendo in considerazione il tipo di materiale, l’uso e l’ambiente o altri detergenti professionali equivalenti come campo d’azione (sanificazione: detergenza e disinfezione), facendo attenzione al corretto utilizzo per ogni superficie da pulire.

DPI – attrezzature

Mascherine:

  • La segretaria e le insegnanti interessate dai corsi in svolgimento dovranno essere dotate di una mascherina chirurgica, come del resto normato dal DL n. 9 (art. 34) in combinato con il DL n. 18 (art 16 c. 1) sono considerati DPI anche le mascherine chirurgiche reperibili in commercio, disciplinate dall’art.34, del DL del 02/03/2020, n.9.
  • Gli studenti saranno obbligati all’utilizzo di una mascherina chirurgica, come del resto normato dal DL n. 9 (art. 34) in combinato con il DL n. 18 (art 16 c. 1) sono considerati DPI anche le mascherine chirurgiche reperibili in commercio, disciplinate dall’art.34, del DL del 02/03/2020, n.9.

Visiera di protezione

  • Nel caso in cui i professori si interfacciassero con bambini al di sotto dei 6 anni, privi di mascherina, questi vanno dotati di visiera facciale, protezione anti-droplet, che permetta il riconoscimento facciale ai bambini ma protegga contemporaneamente il professore.

Guanti

  • Per questa attività non è obbligatorio l’uso di guanti, tranne nel caso di bambini al di sotto dei 6 anni.
Gestione di un alunno che presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5° o un sintomo compatibile con Covid-19, in ambito scolatico

Se un operatore scolastico che viene a conoscenza di un alunno sintomatico deve avvisare il referente scolastico per COVID-19

  • Il Referente scolastico per COVID-19 o altro componente del personale scolastico deve telefonare immediatamente ai genitori/tutore legale dell’alunno qual ora minorenne.
  • Ospitare l’alunno in una stanza dedicata o in un’area di isolamento (aula professori che non viene utilizzata in questo momento)
  • Procedere all’eventuale rilevazione della temperatura corporea, da parte del personale scolastico individuato, mediante l’uso di termometri che non prevedono il contatto.
  • Il minore non deve essere lasciato da solo ma in compagnia di un adulto che preferibilmente non deve presentare fattori di rischio come, ad esempio, malattie croniche e che dovrà mantenere, ove possibile, il distanziamento fisico di almeno un metro e la mascherina chirurgica fino a quando l’alunno non sarà affidato a un genitore/tutore legale
  • Far indossare una mascherina chirurgica all’alunno se ha un’età superiore ai 6 anni e se la tollera.
  • Dovrà essere dotato di mascherina chirurgica chiunque entri in contatto con il caso sospetto, compresi i genitori o i tutori legali che si recano in Istituto per condurlo presso la propria abitazione.
  • Fare rispettare, in assenza di mascherina, l’etichetta respiratoria (tossire e starnutire direttamente su di un fazzoletto di carta o nella piega del gomito). Questi fazzoletti dovranno essere riposti dallo stesso alunno, se possibile, ponendoli dentro un sacchetto chiuso.
  • Pulire e disinfettare le superfici della stanza o area di isolamento dopo che l’alunno sintomatico è tornato a casa.
  • I genitori devono contattare il PLS/MMG per la valutazione clinica (triage telefonico) del caso.
  • Il PLS/MMG, in caso di sospetto COVID-19, richiede tempestivamente il test diagnostico e lo Il comunica al DdP.
  • Il Dipartimento di prevenzione provvede all’esecuzione del test diagnostico.
  • Il Dipartimento di prevenzione si attiva per l'approfondimento dell'indagine epidemiologica e le procedure conseguenti
  • Se il test è positivo, e le azioni di sanificazione straordinaria della struttura scolastica nella sua parte interessata. Per il rientro in comunità bisognerà attendere la guarigione clinica (cioè la totale assenza di sintomi). La conferma di avvenuta guarigione prevede l’effettuazione di due tamponi a distanza di 24 ore l’uno dall’altro. Se entrambi i tamponi risulteranno negativi la persona potrà definirsi guarita, altrimenti proseguirà l’isolamento. Il referente scolastico COVID-19 deve fornire al Dipartimento di prevenzione l’elenco dei compagni di classe si notifica il caso e si avvia la ricerca dei contatti nonché degli insegnanti del caso confermato che sono stati a contatto nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi. I contatti stretti individuati dal Dipartimento di Prevenzione con le consuete attività di contact tracing, saranno posti in quarantena per 14 giorni dalla data dell’ultimo contatto con il caso confermato. Il DdP deciderà la strategia più adatta circa eventuali screening al personale scolastico e agli alunni.
  • Se il tampone naso-oro faringeo è negativo, in paziente sospetto per infezione da SARS-CoV-2, a giudizio del pediatra o medico curante, si ripete il test a distanza di 2-3 gg. Il soggetto deve comunque restare a casa fino a guarigione clinica e a conferma negativa del secondo test.
  • In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19 (tampone negativo), il soggetto rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del PLS/MMG che redigerà una attestazione che il bambino/studente può rientrare scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19 di cui sopra e come disposto da documenti nazionali e regionali.
Gestione di un alunno che presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5° o un sintomo compatibile con Covid-19, presso il proprio domicilio

L'alunno deve restare a casa.

  • I genitori devono informare il PLS/MMG.
  • I genitori dello studente devono comunicare l’assenza scolastica per motivi di salute.
  • Il PLS/MMG, in caso di sospetto COVID-19, richiede tempestivamente il test diagnostico e lo Il comunica al DdP.
  • Il Dipartimento di prevenzione provvede all’esecuzione del test diagnostico.
  • Il Dipartimento di prevenzione si attiva per l'approfondimento dell'indagine epidemiologica e le procedure conseguenti
  • Il DdP provvede ad eseguire il test diagnostico e si procede come indicato al paragrafo 1 Precedente
Disposizioni in caso di un numero elevato di assenze in una classe
  • Il referente scolastico per il COVID-19 deve comunicare al DdP se si verifica un numero elevato di assenze improvvise di studenti in una classe (es. 40%; il valore deve tenere conto anche della situazione delle altre classi) o di insegnanti.
  • Il DdP effettuerà un’indagine epidemiologica per valutare le azioni di sanità pubblica da intraprendere, tenendo conto della presenza di casi confermati nella scuola o di focolai di COVID-19 nella comunità.
Procedure in caso di alunno od operatore scolastico positivi al SARS-COV-2

Effettuare una sanificazione straordinaria della scuola

La sanificazione va effettuata se sono trascorsi 7 giorni o meno da quando la persona positiva ha visitato o utilizzato la struttura.

  • Chiudere le aree utilizzate dalla persona positiva fino al completamento della sanificazione.
  • Aprire porte e finestre per favorire la circolazione dell'aria nell’ambiente.
  • Sanificare (pulire e disinfettare) tutte le aree utilizzate dalla persona positiva, come uffici, aule, bagni e aree comuni.
  • Continuare con la pulizia e la disinfezione ordinaria.

Protocollo AntiCovid